mercoledì 13 aprile 2011

Gommosi segnalibri

Dopo tre settimane riesco finalmente a mettere mano al blog. Pausa forzata dal cattivo stato di salute del mio computer, che, dopo un sofferto pronto soccorso, è tornato a casa salvo e sano, più di prima!
Devo anche ricredermi sulla mia presunta dipendenza-da-pc, rivelatasi poi nulla. 
Dunque è con grande gioia che annuncio il mio ritorno... BUONA VISIONE! 




E ora veniamo all'oggetto della giornata di oggi, questi simpaticissimi (almeno a me sembrano) segnalibri. Per prima cosa mi corre l'obbligo di ringraziare Josefina, mastra d'asilo, che mi ha permesso di entrare nella sua aula e di recuperare materiali (ormai inutilizzati) divertentissimi e coloratissimi. Riconosco che mi sono dovuta inibire, lo scopo era attingere a ciò che non venisse più utilizzato dai bimbi, ma la tentazione di svaligiare completamente quel posto è stata grande!!! Insomma... un motivo in più per tornare bambini!
Tra i materiali recuperati: 
gomma crepla e 
stecchi dei gelati colorati



Il procedimento è molto semplice, basta disegnare una sagoma, più di una, ritagliarla e immaginare una sovrapposizione. Quelli che ho fatto io sono molto semplici ma può essere un primo passo per prendere confidenza con la materia! Le sagome vengono incollate tra loro con della colla vinilica, lo stesso per lo stecco del gelato. 







8 commenti:

  1. MOOOOOLTO CARINO IL TUO BLOG!!! Tutto da guardare e da copiare!!! Questi segnalibri sono perfetti nella loro semplicità e mi sono piaciuti tanto anche i portapenne, specialmente quello legale! Il portadocumenti poi l'ho trovato davvero interessante e anche i bracciali con le capsule del caffè. Belli!!! Complimenti!!!

    RispondiElimina
  2. beh..io direi anche che...ne voglio uno. attenzione è un obbligo!!!:)

    RispondiElimina
  3. belli e coloratissimi:) ma..vedo che sei una riciclatice doc..prova a farli con le bottiglie di plastica:)

    RispondiElimina
  4. @Pia: i tuoi complimenti mi lusingano :)
    @Eugenio: sarà un piacere ;)
    @bilibina: Grazie, cara!
    @Katia: riciclare, riciclare, sempre riciclare! Accetto la sfida delle bottiglie!

    RispondiElimina
  5. ciao tania..ho usato delle basi di rame anticato che mi piacciono molto perchè hanno quel nn so che di vintage che tanto amo:)
    baci

    RispondiElimina
  6. Il tuo blog è proprio simpatico! mi segno nel tuo seguito.
    Questi fiorellini li vedrei bene anche piantati in un vasetto con il nome della piantina ;)

    RispondiElimina
  7. Continuo la visita...sei una sorpresa!

    RispondiElimina